Sito personale di Antonio Sabetta

Ultimi aggiornamenti

Area riservata

RSS RSS – Sottoscrivi il feed

Pubblicazioni

Volumi

Volumi curati

Contributi in volumi

Contributi in riviste scientifiche

Recensioni su riviste scientifiche

Volumi curati

M. Bordoni, Gesù di Nazaret Signore e Cristo. Saggio di cristologia sistematica. 2. Gesù al fondamento della cristologia, a cura di N. Ciola - A. Sabetta - P. Sguazzardo, EDB, Bologna 2017, 500pp
M. Bordoni, Gesù di Nazaret Signore e Cristo. Saggio di cristologia sistematica. I. Problemi di metodo, a cura di N. Ciola - A. Sabetta - P. Sguazzardo, EDB, Bologna 2016, 214pp
Copertina A trent'anni dalla prima edizione, avvenuta tra il 1982 e il 1986, viene riproposta la trilogia cristologica di Marcello Bordoni. Quest'opera poderosa, ormai da tempo introvabile, è stata definita una Summa sul mistero di Cristo e considerata una delle pubblicazioni più significative nel panorama della teologia del Novecento. Essa non si presenta soltanto come una dottrina sulla persona e l'opera di Gesù Cristo, ma come un'imponente trattazione della teologia trinitaria, dell'escatologia, della pneumatologia, dell'antropologia teologica e dell'ecclesiologia. In questo primo volume, Bordoni intende offrire un approccio metodologico all'indagine del rapporto tra storia e fede e, nella fusione di orizzonti tra teologia fondamentale e dogmatica, si propone di elaborare una cristologia sistematica fondamentale.
N. Ciola - A. Sabetta - P. Sguazzardo (edd.), Il Concilio Lateranense IV a 800 anni dalla sua celebrazione. Una rilettura teologica, Lateran University Press, Città del Vaticano 2016
Copertina
X. Tilliette, Gesù romantico, a cura di Antonio Sabetta, Lateran University Press, Città del Vaticano 2014, 524 pp.
Copertina In questo studio Xavier Tilliette, colui che ha dato forma e legittimità alla cristologia filosofica, scandaglia con agilità estrema e sconfinata erudizione i fondali sterminati del romanticismo. L'ombra del Cristo errante accompagna gli scrittori romantici e nonostante i rintocchi funebri della morte di Dio, il Cristo rimane riferimento sorgivo e sopravvive con tratti molteplici nelle diverse forme della sensibilità romantica. In particolare la confessione a Cesarea di Filippo e soprattutto l'orto degli ulivi sono i due luoghi eminenti della cristologia romantica. Negli autori che si susseguono, da Jean Paul a Hölderlin, da Novalis a Schleiermacher, da Lamartine a Lamennais, da de Vigny a Musset e G. de Nerval, fino ai due romanzieri simbolo, Balzac e Dostoevski, e nella schiera innumerevole di epigoni e autori minori, l'autore rinviene costantemente la traccia di Colui del quale il romanticismo non è riuscito o non ha voluto liberarsi; fosse anche solo come il peso di un'assenza, la tristezza di un non esserci più, il Cristo continua ad albergare il cuore di ogni uomo anche nel secolo cosiddetto della morte di Dio.
recensito da F. Tomatis in Avvenire del 6 gennaio 2015; da R. Di Ceglie in Rassegna di Teologia 56 (2015), 674-675: da D. Fantasia in Giornale di filosofia della religione 14 (2016), luglio-agosto.
Fidei doctrinae fundamentum: veritas Evangelii per se ipsam praesens. Akten der Studientage anlaesslich der Vorstellung des Bandes Sakrament und Wort im Grund und Gegenstand des Glaubens in Rom und Tuebingen am 1. und 15.12.2011, LUP, Città del Vaticano 2013, 164pp
Copertina I testi raccolti nel presente volume sono stati pronunciati a Roma (01-12-2011) e a Tubinga (15.12.2011) durante la giornata di studio promossa in occasione della presentazione del volume Sacramento e Parola nel fondamento e contenuto della fede secondo la dottrina cattolico-romana ed evangelico-luterana pubblicato contemporaneamente in Italia e in Germania dalla Lateran University Press e dalla Mohr Siebeck. Questo volume costituisce la seconda pubblicazione espressione dell'Area di Ricerca Internazionale "Temi di teologia fondamentale in prospettiva ecumenica"; la prima vide la luce nel 2008, sempre contemporaneamente in italiano e tedesco, edito dalla LUP e dalla Mohr Siebeck, con il titolo Fondamento e dimensione oggettiva della fede secondo la dottrina cattolico-romana ed evangelico-luterana curato anche allora dal prof. E. Herms per la parte tedesca e L. ┼Żak per quella italiana.
A. Sabetta (ed.), Ambula per hominem et pervenies ad Deum. Studi in onore di S.E. Mons. Ignazio Sanna, Studium, Roma 2012, 568pp
Copertina In questo volume sono pubblicati ventisei testi scritti da colleghi e amici per celebrare i Settant'anni di mons. Ingazio Sanna ora arcivescovo di Oristano, per numerosi anni docente di Antropologia teologica dell'Università Lateranense. Fine conoscitore di Rahner, studioso del postmoderno, mons. Sanna è noto anche per il suo manuale di antropologia su cui hanno studiato tanti studenti
A. Sabetta (ed.), Passione educativa. Un itinerario tra i maestri del pensiero, CIttà Nuova, Roma 2012, 480 pp.
Copertina L'antologia di testi raccolti rappresenta il frutto di due anni di lavoro di un progetto di ricerca nato per offrire un contributo alla questione educativa, divenuta sempre più urgente in un tempo in cui è in crisi l'atto stesso dell'educare. La storia personale di ognuno come quella dell'intero pensiero ci dimostra che senza maestri non c'è educazione e non si può trasmettere nulla che pretenda di essere significativo per l'altro. Per questo occorre tornare a confrontarsi con la prospettiva dei grandi pensatori, che hanno sempre messo al centro della loro riflessione l'esercizio del pensare. Le pagine antologiche di questo volume (da Platone e Aristotele ad Agostino, fino a Kant, Hegel, Rahner) non offrono strategie operative per il superamento dell'attuale crisi, ma mettono a fuoco l'atto educativo originario nella sua capacità di suscitare il pensiero e la fede nella ricerca costante della verità, e di aprire scenari nuovi e fecondi di vita e cultura per il nostro presente e per il nostro futuro.

Scarica il fileScarica il file (192,3 KB)

YVES M.-J. CONGAR, Teologia. Una riflessione storica e speculativa sul concetto di teologia cristiana, Lateran University Press, Città del Vaticano 2012, 494 pp.
Copertina Il saggio che qui è presentato è la traduzione italiana della voce Théologie, scritta da Congar tra il 1938 e il 1939 e pubblicata nel Dictionnaire de Théologie Catholique nel 1946. In essa, il teologo domenicano, si propone di elaborare la nozione di teologia raccogliendo le diverse definizioni che di essa sono state date nel corso delle diverse epoche cristiane (momento storico), fino a formulare una proposta personale di questo concetto (momento speculativo). Tutto questo, avendo come riferimento l'insegnamento di san Tommaso d'Aquino senza cadere, però, nella pedissequa riproposizione delle sue idee quanto piuttosto mettendolo a confronto con il tempo presente
Recensito da S. Mazzolini in La Civiltà Cattolica 2012, II, 196-197; da U. Casale in Archivio Teologico Torinese 19 (2013), 1, 181-189; da R. Burigana in Colloquia Mediterranea 2/1 (2012), 151-152

Scarica il fileScarica il file (123,8 KB)

A. Rosmini, Risposta ad Risposta ad Agostino Theiner, a cura di Antonio Sabetta, Istituto di Studi Filosofici-CISR-Città Nuova, Roma 2007.

Copertina

La Risposta ad Agostino Theiner contro il suo scritto intitolato Lettere storico-critiche intorno alle Cinque piaghe della Santa Chiesa, pubblicata anonima nel 1850, si inserisce nel contesto delle polemiche seguite alla pubblicazione delle Cinque piaghe e si intreccia con le vicende della condanna di quest’opera rosminiana ad opera della Congregazione dell’indice il 6 giugno 1849. Questo evento infatti comportò la decisione di Rosmini di ritirare le copie del libro dopo la sua stampa, fatto questo che ha reso la sua Risposta una delle opere più "sconosciute" e meno frequentate di Rosmini, nonostante essa possa essere considerata uno strumento molto utile per comprendere ulteriormente quella quarta piaga della Chiesa - quella riguardante le elezioni vescovili - a cui Rosmini aveva dedicato la sezione più consistente delle Cinque piaghe.

recensito da N. Galantino in Rassegna di Teologia 48 (2007), 316-317; da A. Costa su La settimana in libri del Centro Studi e Documentazione Tocqueville-Acton, n. 1/settembre 2007, 6-7; da P. Sguazzardo su Lateranum 74 (2008) 395-398.

A. Sabetta-P. Sguazzardo (edd.), Teologia fondamentale. IV. Testi antologici, Città Nuova, Roma 2004.

Copertina

La Teologia Fondamentale, in quattro volumi, è un'opera frutto dello studio e dell’esperienza di insegnamento di docenti delle Università Pontificie romane e delle Facoltà Teologiche di Napoli, Milano e Palermo. L'intento è di cogliere l’essenza della teologia per mezzo di una riflessione sulle istanze principali caratterizzanti la disciplina: ossia quella epistemologica (il primo volume), fondativa (il secondo), contestuale (il terzo). Il quarto volume propone una scelta antologica di testi-chiave a scopo didattico che intende offrire al lettore un contatto diretto con alcuni grandi maestri del pensiero credente dall’età patristica al XX secolo, da Origene e Agostino a Newman, fino a Rahner e von Balthasar. I testi - disposti secondo un criterio cronologico - sono introdotti da brevi schede. In appendice vengono presentati alcuni testi del Concilio Vaticano I e Vaticano II.


Sabetta Antonio - Curatore
Sguazzardo Pierluigi - Curatore
Lorizio Giuseppe - Introduzione
Lorizio Giuseppe - Direzione e coordinamento