Sito personale di Antonio Sabetta

Ultimi aggiornamenti

Area riservata

RSS RSS – Sottoscrivi il feed

Pubblicazioni

Volumi

Volumi curati

Contributi in volumi

Contributi in riviste scientifiche

Recensioni su riviste scientifiche

Ultimi lavori

"Memoria e previsione... e quel che ne resta", in M. Bernardoni (a cura di), Cinque parole della scienza. Memoria e previsione, dato e informazione, tempo, EDB, Bologna 2021, pp. 63-81 (della versione pdf dell'ebook)
Copertina Il testo offre alcune riflessioni sulle parole "memoria"/passato e "previsione"/futuro dal punto di vista filosofico e teologico cristiano

Scarica il fileScarica il file (840,4 KB)

S. Clarke, Discorso sugli obblighi immutabili Della religione naturale e sulla verità e la certezza della rivelazione cristiana, a cura di Antonio Sabetta, Studium, Roma 2021, 336pp
Copertina Nel 1705 Samuel Clarke (1675-1729) tiene alle Boyle's Lecture otto sermoni pubblicati nel 1706 con il titolo Discorso sugli obblighi immutabili della religione naturale e sulla verità e la certezza della rivelazione cristiana. Per il filosofo e teologo inglese, la ragione tanto è in grado di dimostrare l'esistenza e gli attributi di Dio, quanto di farci comprendere il contenuto della rivelazione che non è né discordante né ulteriore rispetto a ciò che la ragione può scoprire con le sue sole forze naturali. Pur essendo tali contenuti verità razionali, Dio li ha dovuti rivelare a causa della corruzione dell'umanità, così profonda e diffusa che pochi uomini sarebbero potuti giungere da soli a quelle verità indispensabili per la vita. Accertata la necessità della rivelazione segue la dimostrazione del cristianesimo come rivelazione di Dio. Anche se la credibilità dell'origine divina della religione cristiana deriva dalla piena conformità di tutti i contenuti e le dottrine credute con la ragione, tuttavia la religione cristiana è anche positivamente dimostrata provenire da Dio mediante tre argomenti: i numerosi e infallibili segni e miracoli compiuti pubblicamente da Gesù come evidenza del suo incarico divino; il perfetto compimento sia delle profezie prima di Cristo che lo riguardavano sia di quelle che lui stesso fece riguardo alle cose che sarebbero accadute dopo di lui; la testimonianza ed il martirio dei discepoli del Signore, che rappresenta il motivo principale di credibilità del cristianesimo per quanti vivono temporalmente distanti dai fatti relativi a Cristo.
Recensito su Avvenire del 19-065-2021, p. 19; da R. Cetera su L'Osservatore Romano del 2 luglio 2021, p. 6

Scarica il fileScarica il file (167,0 KB)

Realismo dell'incarnazione, realismo sacramentale. La controversia di Lutero sulla presenza reale di Cristo nel sacramento dell'altare tra il 1527 e il 1528», in Rassegna di Teologia 61 (2020), 3, 399-422.
Il sacramento dell'altare è stato costantemente oggetto della riflessione di Lutero. Dal 1524, nello scontro con i cosiddetti "fanatici" sulla questione della presenza reale di Cristo nel pane e nel vino, egli rifiuta le interpretazioni simboliche quali quelle proposte da Carlostadio e Zwingli. L'articolo si occupa degli anni 1527-1528 analizzando i due testi più significativi, in particolare la Confessione sulla cena di Cristo. In particolare si evidenzia soprattutto l'orizzonte cristologico come ragione ultima del realismo eucaristico di Lutero

Scarica il fileScarica il file (1252187)

L'enciclica Laudato si'.

Il progetto di una "ecologia integrale" per affrontare la sfida della crisi ambientale e umana del nostro tempo

Una introduzione/invito alla lettura dell'Enciclica del 2015 di Papa Francesco sulla cura della casa comune

Scarica il fileScarica il file (414,1 KB)

Theobald, Urgenze pastorali (III parte)
In questa terza ed ultima parte Theobald presenta alcuni proposte per una pedagogia missionaria focalizzandosi soprattutto sui gruppi di ascolto della Parola di Dio, sulla sinodalità, sulla necessità di superare la distanza tra presbiteri e laici, su una nuova figura di ministero ordinato e di ministerialità nella chiesa

Scarica il fileScarica il file (695,2 KB)