Sito personale di Antonio Sabetta

Ultimi aggiornamenti

Area riservata

RSS RSS – Sottoscrivi il feed

Home

Vai agli editoriali precedenti

Copertina

 

 

 

 

Dopo una lunga gestazione, vede finalmente le stampe la prima edizione italiana dell'opera di Lutero da me curata; il volume è disponibile sia in formato cartaceo che in formato ebook

 

 

 

 

M. Lutero, Confessione sulla cena di Cristo, a cura di A. Sabetta, postfazione di G. Lorizio, Studium, Roma 2019, 304pp

 

Il sacramento dell'altare rappresenta il tema su cui Martin Lutero più ha scritto nel corso della sua vita. Impegnato polemicamente a difendere il senso evangelico e scritturistico della santa cena dapprima contro i papisti e poi contro l'ala radicale della riforma, Lutero nella Confessione sulla cena di Cristo del 1528 scrive una parola conclusiva sul punto più dibattuto della controversia sorta all'interno del movimento dei riformatori: il realismo del-la presenza nel pane e nel vino della cena del corpo e sangue di Cristo in forma fisica, la negazione della quale compromette il senso e il valore della Scrittura e della fede. L'opera è articolata in tre parti. Nella prima Lutero discute l'interpretazione allegorica e simbolica delle parole di Cristo nella cena presente in Zwingli, contestando vigorosamente l'interpretazione del riformatore svizzero circa il senso da attribuire all'espressione destra di Dio e all'affermazione giovannea della carne che non giova a nulla, e confutando la possibilità che l'est delle parole dell'istituzione sia da intendere come significat. Segue quindi l'analisi e il rifiuto della posizione di Ecolampadio e della sua visione dei tropi. Nella seconda parte Lutero esamina con attenzione i quattro testi biblici relativi alla cena del Signore. La terza parte, infine, è una confessione di fede, una sorta di testamento spirituale e sintesi di tutta la teologia di Lutero che ha svolto un ruolo importante nel processo di formazione dei testi confessionali luterani.

 

The sacrament of the altar is the issue on which Martin Luther wrote most throughout his life. Polemically engaged in defending the evangelical and scriptural sense of the holy supper first against the papists and then against the radical wing of the reform, Luther in his 1528 Confession on the supper of Christ writes a concluding word on the most debated point of the controversy that arose within the movement of the reformers: the realism of the presence in the bread and wine of the supper of the body and blood of Christ in physical form, the denial of which compromises the meaning and value of Scripture and faith. The work is divided into three parts. In the first part Luther discusses the allegorical and symbolic interpretation of the words of Christ in the dinner present in Zwingli, vigorously challenging the Swiss Reformer's interpretation of the meaning to be attributed to the expression "the right hand of God" and to the Johannine affirmation of the flesh that has not avail, and disproving the possibility that the "est" of the words of the institution is to be understood as "significant". This is followed by the analysis and rejection of Ecolampadio's position and his vision of the tropes. In the second part Luther carefully examines the four biblical texts relating to the Lord's Supper. The third part, finally, is a confession of faith, a sort of spiritual testament and synthesis of all of Luther's theology that played an important role in the process of forming the Lutheran confessional texts.

 

Indice

Antonio Sabetta, "Il nostro tesoro più eccelso": il sacramento dell'altare nel pensiero di Lutero dal sermone del 1519 alla Confessione sulla cena di Cristo (1528)

Introduzione

1. Sacramento e parola in Lutero

2. I testi luterani sulla cena fino al 1523

2.1 Il testo del 1523 Sull'adorazione del sacramento del santo corpo di Cristo

3. La "svolta" del 1524 e lo scontro con i fanatici (Schwärmer)

3.1 Lo scontro con Carlostadio

3.2. Lo scontro con U. Zwingli (e gli altri fanatici)

3.2.1 Il Sermone sul sacramento del corpo e del sangue di Cristo contro lo spirito fanatico (1526)

3.2.2 Il fondamentale testo del 1527: Che queste parole di Cristo "Questo è il mio corpo ecc.", restano ancora salde contro i fanatici

4. La Confessione sulla cena di Cristo (1528) come punto di arrivo della controversia

 

Martin Lutero, Confessione sulla cena di Cristo (Vom Abendmahl Christi, Bekenntnis)

Prima Parte

Seconda Parte

Terza Parte

 

Giuseppe Lorizio, Teologia e spiritualità eucaristica in Martin Lutero. Postfazione

0. Spunti contestuali

1. I sermoni eucaristici

2. La dottrina eucaristica nelle opere polemiche

3. Gli scritti "dottrinali": Catechismi e Confessio augustana

4. Excursus: la lex orandi